TEATRO NELLO SPAZIO 2020 Settima edizione “INVASIONI BARBARICHE”

TEATRO NELLO SPAZIO 2020

7A EDIZIONE

INVASIONI BARBARICHE

Giunto alla sua settima edizione, Teatro nello SpazIO ha conquistato negli anni credibilità e successo. Il progetto-laboratorio ripercorre i presupposti e i fondamenti essenziali dell’animazione teatrale, coinvolgendo allievi disabili e non, in un reale processo di INTEGRAZIONE. Capofila del progetto-laboratorio è il DLF Alessandria – Asti, partner principale il Cissaca, Consorzio Servizi Sociali dei Comuni dell’Alessandrino. Teatro nello SpazIO valorizza l’unicità e la particolarità della persona, favorendo la spontaneità, ed ha come obiettivo primario quello di “dare spaz…IO alle potenzialità espressive, emotive e relazionali di ciascuno”, nel rispetto delle caratteristiche del singolo.

LA STORIA DI TEATRO NELLO SPAZIO

Il progetto-laboratorio TEATRO NELLO SPAZ..IO nasce nel 2013 da un’idea del regista ed educatore Andrea Di Tullio, che decide di creare un percorso teatrale che integri persone con disabilità e normodotati, per dare il via ad una nuova forma di espressività.  Partner dell’iniziativa è il Peter Larsen Dance Studio, che si occupa della danzaterapia e del movimento. I laboratori nei Centri Diurni hanno subito un grande successo, e sfociano in un lavoro di fine anno che ha per titolo DvsMax… DiversEmozioni al Massimo, che si svolge al Teatro Ambra. Il DLF proprietario del teatro infatti sposa da subito la causa del laboratorio, diventando parte attiva e sempre più coinvolta. Negli anni successivi le esperienze vengono ripetute e la partecipazione allargata: il Cissaca, consorzio Socio-assistenziale di Alessandria e i Centri Diurni che partecipano sono sempre più numerosi; la seconda edizione coinvolge attivamente anche le scuole di Alessandria, i partecipanti aumentano sensibilmente, coinvolgendo tutto il tessuto cittadino. Attualmente Teatro nello Spazio è alla sua settima Edizione e coinvolge più di 200 “attori”. Il laboratorio è realizzato grazie al sostegno della Fondazione SociAl, Banca Prossima, Società di Mutuo Soccorso Cesare Pozzo e DLF Nazionale. Il progetto gode del patrocinio del Comune di Alessandria. 

IL LAVORO SUI PARTECIPANTI

Un attento e profondo lavoro basato sulla gestualità spontanea dei protagonisti pone al centro dell’esperienza il corpo e il gesto quali espressioni di un’immediata cifra poetica, in un lavoro comune e condiviso, perché il gruppo è il luogo vitale di relazioni, di collaborazione, di rispetto, di contatto. Teatro nello SpazIo ha durata annuale. Sono coinvolti gli ospiti disabili dei Centri Diurni della Provincia di Alessandria, i volontari, gli operatori socio-sanitari, gli educatori, i ragazzi delle scuole materne, elementari e medie, i minori stranieri non accompagnati e che scontano pene alternative e ragazzi con patologie croniche, tutti impegnati a spingersi per andare “oltre se stessi”, per entrare in una relazione autentica con l’altro, con il “diverso”. Teatro nello SpazIO permette di superare i propri limiti verso la conoscenza del proprio IO, con l’obiettivo primario di abbattere le barriere e l’ignoranza. 

LE NOVITÀ DEL PROGETTO 2020

  • aumenterà il numero dei ragazzi minorenni stranieri non accompagnati e dei minori che scontano pene alternative (MSNA) integrandoli nel progetto in qualità di performer o come assistenti;
  • accoglierà un gruppo di ragazzi malato cronico pediatrici già seguiti dall’ AVOI, Associazione Volontari Ospedale Infantile, nella speranza di ridurre il trauma dell’ospedalizzazione e migliorarne l’assistenza intra ed extra ospedaliera;
  • integrerà i ragazzi già condotti dal GAPP, Centro per la cura e lo studio dei Disturbi Alimentari e del Disagio Psichico nello spazio quotidiano di condivisione cura e cre-Azione per adolescenti nel progetto di sostegno per i DCA presso la Ristorazione Sociale 
  • aumenterà il numero delle scuole, dei CCD coinvolti e delle realtà artistiche territoriali

Sempre con lo scopo primario di ascoltare e far collaborare TUTTI i partecipanti di estrazioni, culture, abilità fisiche e/o linguistiche DIVERSE per costruire insieme sul palcoscenico, ma soprattutto nella vita

i presupposti per una cultura dell’integrazione.

SEDI DEL PROGETTO 2020

Capofila del progetto è il DLF Alessandria – Asti (CAPOFILA) con il Cissaca, Consorzio Servizi Sociali dei Comuni dell’Alessandrino (PARTNER PRINCIPALE).

Le attività sono svolte settimanalmente presso :

il Centro di formazione ForAl, il Centro Diurno disabili “Martin Pescatore” (CODESS), il Centro Diurno disabili San Giuliano (ANTEO), la comunità S. Agata Fossili (INTERACTIVE), AVOI – GAPP progetto di sostegno per DCA (presso RISTORAZIONE SOCIALE). 

Le attività sono svolte almeno BIsettimanalmente presso :

una classe quarta di scuola primaria ed una classe seconda di scuola secondaria opportunamente selezionate tra tutte quelle che si sono proposte di partecipare al progetto.

Una volta al mese (ULTIMO MARTEDÌ)tutti i partecipanti confluiscono per una lezione collettiva presso il Teatro Ambra (DLF), dove si costruisce e ci si confronta per lo spettacolo finale in cui sono coinvolti tutti i soggetti.

IL TEMA 2020 –  INVASIONI BARBARICHE

L’obbiettivo primario di Teatro nello spazIO è quello di far superare il pregiudizio nei confronti di ciò che è diverso, attraverso forme artistiche innovative, espressive e sperimentali. Sulla base del successo e dei risultati ottenuti nella scorsa edizione, quando il progetto per la prima volta è uscito dagli spazi fisici teatrali per scendere in strada ed entrare in contatto direttamente con lo spettatore (URBAN SPACE), quest’anno sarà ampliata la proposta artistica donandole una rilevanza nazionale, coinvolgendo nella nostra consolidata rete sociale altri centri diurni e comunità per disabili, altre scuole ed altre accademie artistiche piemontesi e non; creando una vera e propria INVASIONE. Manterremo la data evento del primo giugno che diventerà un vero e proprio SPAZIO URBANO di integrazione espressiva e sociale, che offrirà a tutti i partecipanti (disabili,minori,giovani,stranieri,malati,operatori,educatori,insegnanti, professionisti, genitori etc…) maggior interazione con spettatori che difficilmente avrebbero l’opportunità di entrare in contatto con queste realtà, trasformando TUTTI in ATTORI, perché costretti almeno per questa esperienza a condividere e far INVADERE il proprio spaz..ÌO. Infine daremo origine al primo FESTIVAL di TEATRO SOCIALE – FONDAZIONE SOCIAL dove le performance presentate in occasione dell’evento INVASIONI BARBARICHE ritenute più meritevoli ed opportunamente valutate da una qualificata giuria, saranno premiate da un artista di fama internazionale.

ATTIVITÀ DIDATTICHE E LUDICHE

Per rendere il progetto ancora più inclusivo rispetto agli anni precedenti, sarà data la possibilità a qualsiasi compagnia o realtà associativa di partecipare al progetto in due modalità ben distinte ma dove una non escluderà l’altra. 

  • Si potrà ospitare all’interno dei propri spazi con cadenza almeno quindicinale e mensile presso il teatro Ambra il progetto seguendo il percorso teatrale con i nostri professionisti; 
  • oppure ogni realtà che vorrà partecipare all’evento si potrà organizzare in autonomia con le proprie risorse e presentare il primo giugno 2020 una performance di max 5/10 minuti che abbia come obbiettivo primario l’integrazione e/o la riconoscenza della diversità.

Nel primo caso i partecipanti usufruiranno di incontri calendarizzati all’interno degli orari di ciascun ente coinvolto. Il lavoro svolto confluirà nei laboratori necessari alla costruzione delle performance finali ed in base alle attitudini o alle semplici capacità espressive di ogni singolo partecipante, sarà data la possibilità di scegliere se partecipare come attore/danzatore (ludico/espressive/corporeee) oppure se realizzare installazioni scenografiche necessarie allo sviluppo o alla promozione dell’evento (manuali/video/fotografiche)

Le attività didattiche divise in 

  • ludico/espressive (teatroterapia), 
  • corporee (danzaterapia), 
  • manuali (arteterapia), 
  • video/fotografiche (documentario e back stage)

Porteranno alla realizzazione di performance della durata di circa 5/10 minuti cadauna ed un flashmob da condividere con tutti i gruppi partecipanti come momento conclusivo dell’evento.

IL PRODOTTO FINALE IN DUE STEP:

  • Sabato 06 giugno INVASIONI BARBARICHE dalle ore 16,30 alle ore 19,30  presentazioni performance presso PIAZZA S. M. DI CASTELLO – PIAZZETTA DELLA LEGA – PIAZZETTA S. GIOVANNINO – PIAZZA S. STEFANO 

ore 19.00 gran finale flash mob in  PIAZZA SANTA MARIA DI CASTELLO

  • Martedì 1 dicembre ore 16.30 Teatro Ambra PRIMO FESTIVAL TEATRO SOCIALE – FONDAZIONE SOCIAL 

Alla regia del progetto

Andrea Di Tullio e Peter Larsen

coadiuvati da

Daniela Tusa – Erica Gigli  – Enzo Ventriglia  – Monica BruscoMattia Silvani

Info: Segreteria DLF, Viale Brigata Ravenna 8, Alessandria, Tel. 0131 252079 www.dfal.it; segreteria@dlfal.it
Per info sul progetto: Andrea Di Tullio +39 393 82 75 400; www.teatronellospazio.it teatronellosoazio@gmail.com